Anna Haifisch

­čçę­čç¬ Illustratrice tedesca, ├Ę considerata una delle artiste pi├╣ influenti del panorama fumettistico europeo. Autrice di numerosi libri, ha realizzato illustrazioni per brand, editori e realt├á prestigiose, da Vice a Le Monde fino al MoMa di New York. E’ co-fondatrice del festival del fumetto e della grafica The Millionaires Club.

room-fifty-print-you-1-by-anna-haifisch-3833423527979_720x720

Uno stile unico, riconoscibile a prima vista per il tratto, i colori, il messaggio da leggere tra le righe: Anna Haifisch ├Ę un’artista che sa distinguersi come pochi altri. Nata a Lipsia, dove oggi ├Ę tornata a vivere e lavorare, ├Ę cresciuta tra la Germania e gli Stati Uniti, conquistando in breve tempo l’attenzione e la stima della scena artistica internazionale. Graffiante e ironica, Anna ├Ę maestra nel dar forma alle fragilit├á, alle debolezze e alle paure pi├╣ intime con cui abbiamo quotidianamente a che fare. Una sensibilit├á che la rende ideale quando si tratta di comunicare emozioni e stati d’animo.

Amante del fumetto, ha costruito in quest’ambito buona parte del successo e della sua fama, collaborando con editori e testate prestigiose, dal The Guardian a Die Zeit fino al The New Yorker.

La consacrazione ├Ę arrivata grazie a The Artist, fumetto pubblicato inizialmente su Vice in ministorie a puntate che sono state poi raccolte in due volumi di successo tradotti in cinque lingue, italiano compreso. Il soggetto racconta le disavventure tragicomiche di un giovane artista che tenta di avere successo: la presa in giro perfetta, ma anche autoironica, del microcosmo dellÔÇÖarte e delle sue regole.

The Artist ha conquistato anche il MoMa di New York, che nel 2019 ha commissionato ad Anna un racconto illustrato per il magazine del prestigioso museo.

Numerose le pubblicazioni che caratterizzano la bibliografia dell’illustratrice. Su tutti i libri Von Spatz, Drifter e Schiappi, molto amati dai fans di Anna e apprezzati dalla critica per l’immancabile capacit├á dell’artista di intrecciare la realt├á alla fantasia, la dimensione onirica ai sentimenti umani.

Se l’editoria ├Ę dunque il settore principale in cui si ├Ę affermata Anna, l’universalit├á del suo disegno l’ha comunque portata ad esplorare anche altre direzioni. Nelle foto seguenti, le illustrazioni realizzate per artwork discografici e prodotti tessili.

Torna su